Uncategorized

Analisi postmortem dei progetti creativi

Un postmortem è una procedura con la quale si riassume la storia di un progetto e si analizzano i suoi aspetti positivi e negativi, per trarre conclusioni significative e imparare dal passato, successi e fallimenti.

Analisi progetto postmortem

Pur essendo un’attività che richiede tempo e attenzione, è fondamentale per l’innovazione e il miglioramento di qualsiasi progetto, ed è desolante come in Italia l’analisi postmortem sia del tutto sconosciuta.
Prendendo spunto da un articolo di Steve Pavlina, ex sviluppatore di Dexterity Software, approfondiamo la conoscenza di questo importantissimo metodo di analisi.

Un innegabile vantaggio di condurre un postmortem è avere un senso di chiusura molto gratificante, perché si documenta tutta la crescita personale a seguito del completamento del progetto.

Il momento migliore per iniziare a scrivere il postmortem di un progetto è circa due settimane dopo che un prodotto è rilasciato (o per alcuni prodotti, dopo che il progetto è annullato). Questo vi permette di ritrovare la vostra obiettività, senza dimenticare i dettagli.

Coinvolgete tutti i collaboratori.

Se altri sono stati coinvolti nel progetto, organizzate una riunione di riesame del progetto. Se si è stati l’unico contributore, è possibile riservare del tempo per riflettere sulla propria esperienza. Documentate il buono, il cattivo, e i brutti aspetti del progetto. Annotate tutti i rancori, e sollecitate idee di miglioramento per il futuro.

Dettagliate il postmortem per iscritto

Mentre è perfettamente accettabile creare un semplice documento di testo per i piccoli progetti, si consiglia di utilizzare l’HTML per i grandi progetti. Il documento può poi essere pubblicato su una intranet, di facile accesso a tutti all’interno dell’azienda. In questo modo si possono fornire link ad altre risorse, come i documenti di progettazione, orari, e file archiviati. Inoltre facilita la creazione di una collezione di postmortem nel corso del tempo, con i link tra le sezioni di diversi documenti. Una serie di postmortem può evolvere in una preziosa registrazione della vostra saggezza duramente guadagnata.

Iniziate con una panoramica del progetto

Iniziate il postmortem con una breve descrizione del vostro progetto, tra cui una rassegna di design, della previsione di bilancio, e le date di inizio e di fine. Descrivete le finalità del prodotto, il cliente, e le altre informazioni di carattere generale.

Scendete nel dettaglio

Documentate i dettagli quantificabili del vostro progetto. Includete gli appuntamenti e previsioni di bilancio, come pure i risultati ottenuti. Elencate il numero di linee di codice sorgente e il rilascio, nonché le linee di codice riutilizzato. Documentate le dimensioni del progetto e i requisiti di sistema per l’utente finale. Elencate qualsiasi bug noto o problemi di compatibilità. Annotate gli strumenti di sviluppo che sono stati utilizzati e i loro numeri di versione, compresi eventuali aggiornamenti durante il progetto. Elencate tutti coloro che hanno lavorato al progetto e documentate i loro contributi.

Documentate che cosa è andato bene

Il prodotto finale si è dimostrato migliore del previsto? Avete sperimentato un occasionale colpo di fortuna? Elencate almeno dieci cose positive per il progetto.

Documentate che cosa è andato storto

Quali difficoltà avete incontrato? Quali ipotesi si sono dimostrate errate? Compilate un elenco dettagliato delle carenze del progetto. Elencate almeno dieci cose che sono andate peggio del previsto. Documentate anche spiacevoli sorprese avvenute durante lo sviluppo.

Valutate i rischi di gestione

Documentate di tutti i rischi che avete affrontato durante il progetto, e annotate come sono stati gestiti. Avete esplorato idee, utilizzato nuove tecnologie o strumenti di sviluppo, o sviluppato una nuova piattaforma? I tempi di consegna stimati si sono allungati rispetto al previsto? Avete corso grossi rischi, o siete stati relativamente sul sicuro? Valutate la vostra esperienza di gestione del rischio, prestando particolare attenzione a come dovreste cambiare l’approccio per il prossimo progetto.

Valutare i cambiamenti avvenuti durante lo sviluppo

Quali cambiamenti non pianificati si sono verificati durante lo sviluppo del progetto? Come sono stati affrontati? Sono state fatte aggiunte positive, o l’eccesso di funzioni mediocri è stato un problema?

Trarre conclusioni significative

Quali conclusioni si possono trarre dalla storia del vostro progetto, che vi aiuterà a migliorare in futuro? Che cosa si dovrebbe iniziare a fare, continuare a fare, o smettere di fare? Descrivete nuove pratiche che si dovrebbero provare per il vostro prossimo progetto. Questa è forse la parte più importante del postmortem, per cui preparatevi a spendere più tempo qui che in qualsiasi altra sezione.

Agite!

Sarebbe un grande spreco di tempo per creare un bel postmortem, archiviarlo, e dimenticarsene. Il passo finale è quello di sviluppare un piano d’azione che può essere applicato al vostro prossimo progetto. Revisionate la storia del vostro progetto, riflettete sulle lezioni che avete imparato, e specificate nuove linee guida da seguire in futuro. Si raccomanda di creare una checklist per il vostro prossimo progetto. Se ne avete già una, aggiornatela con nuovi perfezionamenti.

Similar articles
  • Drawing realistic hands the quick and easy way